top of page

Ciclo Depurativo - 8° Capitolo del Libro "Il Percorso Armonia e Benessere"

Aggiornamento: 26 ago 2023






L’organo principale coinvolto nel processo di depurazione del nostro organismo è il Fegato.

Le funzioni del fegato sono espletate dalle cellule del fegato, gli epatociti. Questa grande ghiandola assolve numerosissime ed importanti funzioni organiche.

E’ il nostro laboratorio chimico.

Tra le sue più importanti mansioni ricordiamo:

- produzione della bile, importantissima per emulsionare

e digerire i grassi, parte viene riversata direttamente nel duodeno, parte viene accumulata nella cistifellea;

- sintetizza alcune proteine essenziali per il nostro ciclo vitale;

- metabolizza e gestisce, quando serve, il glicogeno (il glicogeno è una sostanza complessa formata da molte molecole di glucosio, esso viene prima sintetizzato dal fegato, che ne immagazzina la maggior parte, distribuendone il restante nei muscoli. Quando serve, per esempio durante l’attività fisica, esso viene trasformato di nuovo in zucchero semplice, glucosio appunto, e ridistribuito per essere così utilizzato prontamente dall’organismo, in quanto quello presente nei muscoli si esaurisce velocemente);

- ha la funzione di accumulo e riserva, funge da deposito per numerose sostanze, tra cui la vitamina B12, il ferro e il rame.

- Oltre alla bile, come visto sopra, il fegato produce molte sostanze utili ai processi fisiologici dell’organismo come i fattori di coagulazione I (fibrinogeno), II (trombina), V, VI, IX, X e XI, nonché la proteina C, la proteina S e l'antitrombina;

- nel fegato avviene la sintesi del Colesterolo e dei Trigliceridi. Inoltre demolisce l'emoglobina, creando metaboliti che vengono aggiunti alla bile come pigmenti.

Il fegato rende innocue numerose sostanze tossiche e numerosi farmaci nel processo noto come metabolismo dei farmaci, ed è proprio la disintossicazione, in senso generale, con l’eliminazione di tossine, scorie ed altri elementi nocivi, una delle principali attività del fegato consentendone poi l’eliminazione da parte degli altri organi emuntori (Polmoni, Pelle, Reni, Intestino).

Ricordiamo la più importante di tali azioni disintossicanti: la trasformazione dell'ammoniaca presente nel sangue (sostanza tossica derivata dalle proteine) in una sostanza tollerabile a concentrazioni più alte, l'urea. L'urea viene poi reimmessa nel flusso sanguigno. Attualmente non esiste un organo artificiale capace di espletare tutte queste incredibili funzioni. Molto spesso però con i nostri comportamenti tendiamo a maltrattarlo: alimentazione scorretta e sbilanciata, l’utilizzo a volte “leggero” di farmaci senza un adeguato controllo medico, l’uso eccessivo di sostanze tossiche come alcool e fumo, un sistema di vita poco sano, la poca se non addirittura assente attività fisica e per finire la possibilità di contrarre malattie batteriche e virali.

Tutto questo porta ad un notevole affaticamento dell’organo con il conseguente squilibrio delle sue importanti funzioni. Le conseguenze, vista l’importanza dell’organo, sono molto pericolose; in termini tecnici si parla di “insufficienza epatica”, quante volte abbiamo sentito questa affermazione! Da qui nasce l’esigenza di “coccolare” un po’ il nostro fegato!

I nostri due cicli annuali di disintossicazione ci garantiscono una giusta attenzione verso questo organo, in più coadiuvato da tutte le altre attività del percorso.

I sintomi che caratterizzano l’insorgenza dell’insufficienza epatica sono:

bocca amara, sonnolenza dopo i pasti, alito pesante, digestione lenta, emicranie postprandiale, stipsi, flatulenza, eczemi, pelle opaca, forfora, possono presentarsi variazioni dell’umore, insonnia, irritabilità, addirittura un lieve principio di depressione.

Non a caso, la Medicina Tradizionale Cinese lega l’Organo Fegato al sentimento della Rabbia.

Dato per scontato che per migliorare la funzionalità epatica dobbiamo agire sul nostro sistema di vita, vediamo come è possibile intervenire a livello fitoterapico. Le piante officinali più utilizzate a questo scopo sono: Tarassaco, Carciofo, Bardana, Betulla, Cardo Mariano, Rosmarino, Ortica, Cicoria e Genziana.

Prima di analizzare le singole caratteristiche delle piante, ritengo opportuno fare alcune precisazioni molto importanti non solo per il ciclo depurativo ma anche per gli altri cicli erboristici presenti nel nostro programma.........




0 visualizzazioni0 commenti
bottom of page