© 2019 by Fabio Perpetua. Proudly created with Wix.com                                                 Fabio Perpetua 338 1987404  -  fabio61nat@gmail.com

Shiatsu

Lo Shiatsu anche se deriva da antichissime tecniche di manipolazione, solo di recente ha trovato una sua collocazione nelle terapie complementari.

Il termine Shiatsu in realtà comprende un ampia gamma di tecniche e situazioni operative.

Il trattamento Shiatsu può essere eseguito in terra,  sul lettino, seduti, con i vestiti o senza, in una stazione termale, da solo o insieme a dieci pazienti in una clinica giapponese.

Shiatsu significa letteralmente “pressione delle dita”, ciò fa presupporre che esso sia nato sulle basi Medicina Tradizionale Cinese e specificatamente da tecniche di Tuinà. L’uomo da sempre ha usato il “tocco” come primordiale forma istintiva di cura. E’ chiaro che l’evoluzione della Medicina Tradizionale Cinese l’uso degli aghi o della Moxa a reso più efficace il risultato per molte patologie, inoltre è anche  meno dispendioso a livello energetico per l’operatore.

E’ rimasta, comunque, vivissima la tradizione del trattamento a livello popolare e si è diffusa, storicamente parlando  in tutto l’ oriente.

Il Giappone assimilò le tecniche cinesi di medicina e nel rispetto della  tradizione e del costume nipponico curò i dettagli, rendendola più raffinata. Sviluppò una tecnica di massaggio addominale, chiamato Ampuku, dove i praticanti dopo un lunghissimo apprendimento (circa dodici anni!) riuscivano a diagnosticare e curare malattie soltanto trattando l’addome del paziente (“Hara” in giapponese).

Il concetto di Hara è fondamentale non solo nella tecnica Shiatsu ma anche nel vivere comune giapponese : “Gen-ki des’ka?” l’equivalente di “Come và?” si traduce letteralmente in “Com’è il tuo Ki?”; malato si traduce “byo Ki” , “cattivo Ki”.

In Giappone dire che una persona a un “buon Hara” è segno d’integrità, mentre un”cattivo Hara” denota una persona inaffidabile e subdola.

Lo Shiatsu ha poche controindicazioni e poche sono le condizioni dove non è possibile applicarlo. L’efficacia del trattamento è però subordinata alle capacità del praticante. Il “contatto” è stato da sempre definito come un mezzo di comunicazione tra due persone e uno scambio di emozioni reciproche. Lo Shiatsu, come trattamento, risulta quindi indicato in tutti quei casi  dove uno scompenso emotivo o lo stress rappresentino le cause del problema, anche se poi sono riconducibili un po’ a tutte le malattie.

L’efficacia delle tecniche Shiatsu è garantita, secondo la Medicina Tradizionale Cinese, dalla stimolazione e nel ripristino della condizione di equilibrio  nella circolazione del Qi nei meridiani.

“ Massaggiando, siate attenti e cauti, come se teneste una tigre per la coda. Non siate tesi, tenete la mano rilassata”.

                                                                               ZHEN JIU DA CHENG,  1601

“Nella mente del medico non dovrebbero esserci desideri, ma solo un atteggiamento di ricettiva accettazione: così la mente diviene shen. Le menti del medico e del paziente dovrebbero essere pari e in armonia, e seguire i movimenti…”

                                                                               ZHEN JIU DA CHENG,  1601