© 2019 by Fabio Perpetua. Proudly created with Wix.com                                                 Fabio Perpetua 338 1987404  -  fabio61nat@gmail.com

Consulenze Naturopatiche

Trovo che racchiudere il concetto di “Naturopatia” in poche righe di presentazione sia una cosa estremamente semplice! Naturopatia…Naturopatia…cioè…“curarsi” con la Natura…attingendo a piene mani a tutto ciò che di immenso ci offre!

La presentazione potrebbe già finire qui, la cosa che vorrei invece sottolineare è la figura dell’operatore: il Naturopata.

Le discipline che sono inserite nel contesto della Naturopatia sono moltissime e tanto diverse tra loro, alcuni esempi: Fitoterapia, Gemmoterapia, Aromaterapia, Cristalloterapia, Fiori di Bach, Alimentazione Naturale, Cromoterapia, Chinesologia, Posturologia.Musicoterapica, Chakraterapia, Craniosacrale….ecc, trattamenti che vanno ad interagire con il ciclo energetico del paziente come Riflessologia, Auricoloterapia, Reiki, Shiatsu e massaggio Ayurvedico possono essere considerati rimedi naturopatici, così come alcuni aspetti medici non convenzionali come l’Etnomedicina, la Medicina Atroposofica, la Medicina Tradizionale Cinese, la Medicina Ayurvedica, l’Omotossicologia o l’Oligoterapia.

Questa breve panoramica ci fa capire come la figura del Naturopata possa essere diversa se legata a percorsi di formazione o di approfondimento più o meno indirizzati ad un approccio più “interno” ed “esterno”.

Mi spiego, alcune discipline, come ad esempio la Fitoterapia, l’Alimentazione Naturale, la Gemmoterapia ed altre ancora intervengono sul corpo fisico, mentre i Fiori di Bach, la Cristalloterapia, il Reiki ed altre hanno un approccio sicuramente più “sottile” – quindi più “interno”.

La Riflessologia, come lo Shiatsu per esempio, anche se usa il corpo come conduttore lavora sul ciclo energetico della persona, quindi entrambi possono essere considerati veri e propri “trattamenti” e non semplici massaggi.

Tutti i rimedi Naturopatici hanno lo scopo di riportare benessere e le strade per raggiungerlo possono essere molto diverse tra loro. Il primo compito del Naturopata è “capire” quale tipo di approccio adottare per entrare in sintonia con il Ricevente, in un secondo tempo scegliere tutte le strategie possibili per sensibilizzare la persona verso un nuovo e salutare stile di vita, in ciò rientra anche, per un sano aspetto deontologico e professionale, l’accortezza di consigliare al Ricevente altri operatori del settore qualora la propria formazione naturopatica non permettesse risultati soddisfacenti.

Per esempio, io non pratico  Cristalloterapia o Musicoterapia per cui se capissi che la persona potrebbe ricevere maggiori benefici da un trattamento diverso dalle mie specializzazioni non esiterei a consigliargli altri operatori, chiaramente di mia fiducia.

Sono erborista, ho fatto la specializzazione sull’alimentazione, personalmente pratico molta attività fisica per cui i primi consigli saranno indirizzati a migliorare lo stato fisiologico, poi con la Riflessologia, il Reiki, l’Auricoloterapia o lo Shiatsu potrei intervenire, in maniera più diretta, nel suo ciclo energetico.

Questo per due motivi principali, il primo perché i benefici che si ottengono curando l’alimentazione e assumendo rimedi fitoterapici sono abbastanza veloci, secondo perché la sensazione di benessere fisiologico predispone positivamente la persona ad un approccio più sottile legato al proprio ciclo energetico.

Questa è comunque la mia personalissima idea, il mio personalissimo “approccio” naturopatico, cominciare dalle fondamenta, dal materiale (il corpo fisico), per aprirci la strada verso l’aspetto più sottile ed intimo della persona (il ciclo energetico). Ripeto e sottolineo che un diverso “approccio” possa essere comunque molto efficace, l’importante è mettere sempre in primo piano le esigenze del Ricevente, cercando di creare un rapporto di estrema fiducia e sincerità.

La consulenza Naturopatica è quindi una raccolta di informazioni sulle abitudini della persona (alimentari, stile di vita, esigenze, problemi…ecc..ecc…) per poi trovare insieme un percorso di riequilibrio più vicino possibile alla natura del Ricevente stesso, con molta tranquillità, equilibrio e cosa molto importante….con gradualità!

Tutti gli obiettivi prefissati, per essere raggiunti, devono essere accompagnati da un percorso morbido, leggero e perfettamente in linea con la personalità del Ricevente.

Un bravo Naturopata deve riuscire a capire le dinamiche del Ricevente e costruirgli intorno un percorso atto a ripristinare l’equilibrio nel suo ciclo energetico e di conseguenza la sua sensazione di benessere e felicità!!!